Seleziona una pagina

EVENTI

< 2017 >
Agosto
DLMMGVS
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

LINK UTILI

Castello di Leccio

Sul luogo dell’antico Castello di Leccio, sulla cima di una collina alla destra dell’Arno, restano due case coloniche delle quali quella a sud-est ha inglobato le strutture del castello di cui sono ancora visibili la torre centrale, l’accesso principale sul lato nord, un portico duecentesco e la parete esterna nord della chiesa di San Salvatore. Sul retro continuano a riaffiorare frammenti ceramici di età medievale. Secondo lo storico Tracchi, ma l’ipotesi rimane da accertare, l’insediamento risalirebbe al periodo tardo romano e sarebbe sorto in prossimità di una deviazione della Cassia.

Del castello si ha memoria in diversi contratti del XII secolo, stipulati al suo interno e conservati all’Archivio dell’Abbazia di Vallombrosa. Il più antico è del 1169; il successivo, del 1170, ci dà la prima notizia della chiesa, alla quale sembra fosse annesso un monastero. Leccio e la sua corte continuano ad essere menzionati in contratti di compravendita del XIII secolo (1234, 1243). All’inizio del XIV secolo, castello e distretto erano incorporati nel territorio della Repubblica Fiorentina. Nel 1312 il castello fu occupato dalle truppe dell’imperatore Arrigo VII, e in seguito nuovamente ripreso da quelle fiorentine. Dopo questo avvenimento non troviamo altri riferimenti nelle cronache del basso medioevo.

L’abitato dovette sussistere fino alla fine del XVIII secolo, quando a causa del terreno franoso, la popolazione fu costretta a trasferirsi a valle nei pressi dell’oratorio di Santa Maria al Mercatale. Nel 1789 fu abbandonata anche la chiesa di San Salvatore interna al castello.

Richiedi
info!

State cercando un hotel o un agriturismo, volete maggiori informazioni su orari dei nostri musei, avete altre domande?

Come raggiungerci
MENU