Seleziona una pagina

EVENTI

< 2022 >
Giugno 19 - Giugno 25
  • 19
    Nessun evento
  • 20
    Nessun evento
  • 21
    Nessun evento
  • 22
    Nessun evento
  • 23
    Nessun evento
  • 24

    47° Sagra del Fungo porcino e Festa di San Pietro

    08:00-23:00
    2022.06.24-2022.07.03

    Da venerdì 24 giugno a domenica 3 luglio 2022 torna a Cascia di Reggello la Festa di San Pietro e Sagra del fungo porcino.

    Grandi protagonisti sono i funghi porcini, che sarà possibile assaggiare presso gli stand gastronomici della festa tutte le sere a cena e, sia il sabato che la domenica, anche a pranzo.

    Inoltre, fin dalle 8 di mattina è possibile acquistare i porcini all’apposito mercatino.

    La festa prevede un calendario ricco di iniziative per grandi e piccini; segnaliamo l’apericena di apertura, venerdì 24 giugno, e il Gran Gala di San Pietro lunedì 27.

    Tutte le sere dopo cena intrattenimento con spettacoli, musica e giochi.


    Info: 338.8529456 – 328.1036539

  • 25

    47° Sagra del Fungo porcino e Festa di San Pietro

    08:00-23:00
    2022.06.25-2022.07.04

    Da venerdì 24 giugno a domenica 3 luglio 2022 torna a Cascia di Reggello la Festa di San Pietro e Sagra del fungo porcino.

    Grandi protagonisti sono i funghi porcini, che sarà possibile assaggiare presso gli stand gastronomici della festa tutte le sere a cena e, sia il sabato che la domenica, anche a pranzo.

    Inoltre, fin dalle 8 di mattina è possibile acquistare i porcini all’apposito mercatino.

    La festa prevede un calendario ricco di iniziative per grandi e piccini; segnaliamo l’apericena di apertura, venerdì 24 giugno, e il Gran Gala di San Pietro lunedì 27.

    Tutte le sere dopo cena intrattenimento con spettacoli, musica e giochi.


    Info: 338.8529456 – 328.1036539

    14° Rally Reggello-Città di Firenze

    10:00-20:00
    2022.06.25-2022.06.26

    Tradizione e novità nel percorso del 14° Rally di Reggello-Città di Firenze in programma sabato 25 e domenica 26 giugno 2022.

    L’evento è organizzato dalla Reggello Motor Sport con la collaborazione di Aci Firenze.

    La gara propone la grande novità del ritorno alle origini, per la scelta del mese di giugno e per alcune caratteristiche dello svolgimento della emozionante kermesse.

    Come tradizione non sarà una sola gara, ma due, comprendendo anche la classica Coppa Città dell’Olio, occasione imperdibile per le vetture storiche, negli anni diventata un classico di queste manifestazioni.

    Il Rally di Reggello-Città di Firenze targato duemilaventidue avrà il coefficiente di 1,5 per la Coppa Rally di VI zona, un plus toccato ai blasonati rallies del Ciocco e dell’Isola d’Elba, validi per il tricolore, occasione unica per chi insegue il campionato di VI zona di acquisire punti pesanti ed anche per i delusi dall’avvio di stagione per rimettersi in gioco sulle strade reggellesi.

    Per info sulle chiusure delle strade:

    https://www.comune.reggello.fi.it/eventi-notizie/rally-di-reggello-2022-informazioni-utili

LINK UTILI

Castello di Leccio

Sul luogo dell’antico Castello di Leccio, sulla cima di una collina alla destra dell’Arno, restano due case coloniche delle quali quella a sud-est ha inglobato le strutture del castello di cui sono ancora visibili la torre centrale, l’accesso principale sul lato nord, un portico duecentesco e la parete esterna nord della chiesa di San Salvatore. Sul retro continuano a riaffiorare frammenti ceramici di età medievale. Secondo lo storico Tracchi, ma l’ipotesi rimane da accertare, l’insediamento risalirebbe al periodo tardo romano e sarebbe sorto in prossimità di una deviazione della Cassia.

Del castello si ha memoria in diversi contratti del XII secolo, stipulati al suo interno e conservati all’Archivio dell’Abbazia di Vallombrosa. Il più antico è del 1169; il successivo, del 1170, ci dà la prima notizia della chiesa, alla quale sembra fosse annesso un monastero. Leccio e la sua corte continuano ad essere menzionati in contratti di compravendita del XIII secolo (1234, 1243). All’inizio del XIV secolo, castello e distretto erano incorporati nel territorio della Repubblica Fiorentina. Nel 1312 il castello fu occupato dalle truppe dell’imperatore Arrigo VII, e in seguito nuovamente ripreso da quelle fiorentine. Dopo questo avvenimento non troviamo altri riferimenti nelle cronache del basso medioevo.

L’abitato dovette sussistere fino alla fine del XVIII secolo, quando a causa del terreno franoso, la popolazione fu costretta a trasferirsi a valle nei pressi dell’oratorio di Santa Maria al Mercatale. Nel 1789 fu abbandonata anche la chiesa di San Salvatore interna al castello.

Richiedi
info!

State cercando un hotel o un agriturismo, volete maggiori informazioni su orari dei nostri musei, avete altre domande?

Come raggiungerci
MENU