Seleziona una pagina

EVENTI

< 2022 >
Luglio 03 - Luglio 09
  • 03

    Teatro della marionette a Pian di Melosa

    Tutto il giorno
    2022.07.03

    Domenica 3 luglio a Pian di Melosa (Tosi) alle ore 17:00, appuntamento con Don Chisciotte, il gioco del vento spettacolo-animazione con attori e marionette ispirato alle figure di Don Chisciotte e Sancho Panza.

    Ingresso gratuito

    47° Sagra del Fungo porcino e Festa di San Pietro

    08:00-23:00
    2022.07.03-2022.07.12

    Da venerdì 24 giugno a domenica 3 luglio 2022 torna a Cascia di Reggello la Festa di San Pietro e Sagra del fungo porcino.

    Grandi protagonisti sono i funghi porcini, che sarà possibile assaggiare presso gli stand gastronomici della festa tutte le sere a cena e, sia il sabato che la domenica, anche a pranzo.

    Inoltre, fin dalle 8 di mattina è possibile acquistare i porcini all’apposito mercatino.

    La festa prevede un calendario ricco di iniziative per grandi e piccini; segnaliamo l’apericena di apertura, venerdì 24 giugno, e il Gran Gala di San Pietro lunedì 27.

    Tutte le sere dopo cena intrattenimento con spettacoli, musica e giochi.


    Info: 338.8529456 – 328.1036539

    9° Memorial "Leonardo Mannucci" - Leccio

    08:30-15:00
    2022.07.03

    Domenica 3 luglio 2022 – Leccio

    Programma:

    ore 08:20 – 10:00 Ritrovo presso il Circolo Ricreativo Arci Aurora di Leccio. Disbrigo iscrizioni e colazione.

    ore 10:30 Partenza e giro panoramico nei dintorni

    ore 12:00 Sosta Aperitivo presso il parco del Castello di Sammezzano

    ore 13:00 Esposizione Veicoli (Vespa) presso il Circolo Ricreativo Arci Aurora di Leccio. Pranzo e premiazioni.

    Il ricavato sarà devoluto in beneficienza

  • 04
    Nessun evento
  • 05
    Nessun evento
  • 06
    Nessun evento
  • 07
    Nessun evento
  • 08

    Cinema sotto le stelle - Donnini

    21:00-23:31
    2022.07.08

    Proiezione del film “Quel genio del mio amico” (2021), di Alessandro Sarti.

    Ore 21:00, via della Chiesa Nuova, Donnini

    Ingresso gratuito

  • 09

    Notte Magica a Tosi

    Tutto il giorno
    2022.07.09

    La Notte Magica è un evento per vedere facce vecchie e facce nuove, con una bella birra e un buon panino tra le mani.

    💫 Notte Magica 💫
    SI MANGIA 🍖
    SI BEVE 🍻
    SI BALLA 💃

    La Pro Loco Un’idea di Tosi e Pian di Melosa, insieme all’ASD Tosi e ad altre realtà commerciali del nostro paese, vi aspettano con gastronomia locale e tanta birra, per ballare e stare insieme, avvolti dal fresco tosese!

     

    Notte magica a Tosi 2022

    Notte magica a Tosi 2022

LINK UTILI

Sant’Ellero

La chiesa di Santa Maria a Sant’Ellero era annessa al monastero delle monache benedettine di Sant’Ilario in Alfiano detto, poi, Sant’Ellero. Nel Basso Medioevo il sito del monastero era denominato Monte Acuto; vi si trovavano la chiesa di Santa Maria e la chiesa di San Bartolo del Castello di Sant’Ilario, come risulta dalla Decima del 1301, nella quale è nominata l’«ecclesia S. Bartoli de castro S. Ylari»; dall’anno successivo la chiesa è chiamata «de S. Ellero».

Il monastero di Sant’Ilario in Alfiano esisteva già nel X secolo, ed il suo patrimonio comprendeva quasi tutta la montagna di Vallombrosa, parte della quale, il 3 luglio 1039, fu donata dalla badessa Itta al fondatore dell’Ordine Vallombrosano, San Giovanni Gualberto.

Le monache di Sant’Ilario esercitava il giuspatronato sopra le chiese di Santa Maria e San Bartolo, e sopra il castello di Sant’Ellero e quello di Remole, privilegi più volte riconfermati dalla Santa Sede fra XII e XIII secolo (Lucio III nel 1181, Gregorio IX nel 1228) e persino da un diploma imperiale della cancelleria di Arrigo VI (1191). Dopo la metà del XIII secolo, il monastero fu unito alla Badia di Vallombrosa, nonostante la forte opposizione delle monache: lo stesso pontefice, Alessandro IV dovette intervenire con due lettere il 9 e il 13 dicembre 1255 per sollecitare il trasferimento delle religiose nel monastero di San Pancrazio a Firenze. Le monache si risolsero ad andarsene solo dopo la stipula di un istrumento (atto notarile) redatto nell’Abbazia Vecchia di Sant’Ilario il 31 gennaio 1269, due anni dopo la distruzione del Castello di Sant’Ellero. Vallombrosa dovette loro concedere un vitalizio, e consentire l’uso del vecchio monastero. I Vallombrosani continuarono ad esercitare il patronato su Santa Maria ed il diritto all’elezione del curato pro-tempore fino alla soppressione francese del 1808.
Di Sant’Ellero si conserva un Liber chronicus dal 1695 al 1720.

.

Richiedi
info!

State cercando un hotel o un agriturismo, volete maggiori informazioni su orari dei nostri musei, avete altre domande?

Come raggiungerci
MENU